I’d like to explore the syncretism between Kali and Santa Muerte. One from India, the other from Mexico. Let’s start with Kali – according to the precepts of the current Sanathana Dharma Kali is a form of Durga, the most “angry” one, to say it plainly. But she is also the best known Hindu deity in the world. The reason why is not the best. When the first Christian missionaries arrived in India, the statues of Kali, with the fierce, angry appearance, struck them deeply. Busy with preaching the doctrine of salvation of pagan souls, they did not dwell on the meanings of Hindu divinity, considering her to be a demon to whom human sacrifices were made.

Anyone who has read Christian treatises on demonology knows in fact that Kali is considered a devil in them, together with other Hindu, Assyrian-Babylonian and even Greek-Roman deities (such as Diana). This happened because in the Christianity of the time everything that belonged to different cultures was considered demonic, as it could mislead the minds of men from the real goal of life – that is, the knowledge of Christ for salvation of the soul. Even Muslims were called “pagans”, although they believe in one God and they too have Abraham as their progenitor. This gave rise to mass killings, crusades, and so on.

But who is Kali really? Is she a benevolent or malevolent entity? The answer is: neither. As she is closely linked to the concept of death and transformation, she’s a divinity who acts in the name of justice, despite this she is also compassionate. When India had not yet been conquered by the Arii, the warlords who imposed the Aryan civilization and their religion (i.e. the Vedic one, from which Hinduism as we know it today would have derived) matriarchy and worship were prevailing, centered on the Great Mother, daughter, mother and bride of God, the Father. These primal archetypes, of the sacred feminine and its companion, the masculine archetype, are to be attributed to Shiva and Mahadevi, in all their present forms. The symbols of God, the Father, evidenced by archaeological finds from the first civilizations settled in the Hindu Kush area, are in fact the snake, the bull, the phallus and the trident, which are still found today in the depictions of Shiva. And his bride is naturally Mahadevi, who finds in Parvati / Durga / Kali everything a woman can be: daughter, sister, wife, mother. But she is not subjected to male force, because she herself is the holder of two great powers: those of Life and Death.

When a mother gives birth to her child, we witness the miracle of life, but as soon as the child leaves the womb of the mother, they are delivered to the world of humanity and to the ineluctable destiny of all humankind, which is death. There is no death without life, and there is no life without death. Death is also, above all, transformation. This is why Hindus believe in reincarnation, that death is not the end of life, but that it continues to exist, always, even if the apparent matter appears to have changed. Kali was born in the ancient Vedic religion well before Parvati and Durga, as a separate deity born from the fire of Agni, so she is most affected by the influences of the original Mahadevi as an archetypal form. Only later was she considered a form of Durga. She is the Black goddess, the one who defeats the demons, who converts Evil into Good, it is to her that the moribund turn to for a “good death”.

She is the destruction necessary to gain access to the best. In Bengal, where the cult of Kali is most prevalent, the goddess is still worshiped almost as if she were a singular deity, as she was originally. She keeps the same traits, but she is also called Mother. Her devotees are her “daughters and sons”. So let’s go back to the precepts I mentioned earlier, of how death and life are inseparable. And they are the only things of which humans are certain; one can doubt the existence of a supernatural divinity, one can doubt the historical existence of some prophets and the validity of some books considered sacred, but who would dare to doubt Death and the transformative phases that run through our life, which are nothing else what a series of small deaths? Death is the most mysterious and supernatural phenomenon that exists, but it is also paradoxically what humankind experiences every day. It is the very key to the meaning of Life.

The figure of Santa Muerte is fully associable with the archetypal meaning of Kali. The cultural context in which Holy Death was born is that of a colonized Mexico, in which Spanish Christianity intertwined with the cult of the Aztec death deities. The Mexican Catholic Church, of course, has opposed the veneration of Santa Muerte in every way, but the devotees of Santa Muerte in Mexico are predominantly Catholics. In fact, she is often venerated together with the Virgin of Guadalupe, with whom it shares similar iconography, such as the cloak (especially in the hybrid figurue of GuadaMuerte). It is said that one can ask of Santa Muerte what one could not ask of Our Lady.

Devotees of Santa Muerte come from all social strata because she accepts everyone, as we are all equal in her eyes. She accepts saints and sinners. She accepts Christians, Hindus, neo-pagans and so on and so forth; she accepts even atheists, because none of them could question her existence. She is the patroness of humanity. I noticed that she is very much loved by doctors, nurses, by those who work in hospitals

There are no legally recognized churches or temples of Santa Muerte in Mexico, nor are there gurus or any official priests or priestesses. There are no dogmas or sacred texts. Those who want to deepen devotion to her can do so through commonly sold books to get to know her better from a purely intellectual point of view or even to start a private devotion. You can keep the religious beliefs (or even not) that you have, because she exists for everyone, believers or not. Despite this apparent freedom, those who opt for Santa Muerte must have a deep motivation to do so, and there is no going back. She is jealous, because just as Kali confronted her husband to avenge the killing of her son, Santa Muerte also intervenes with power when her children, or her devotees, are mistreated.

By Federica Fiume

Sollecitata, apro un post riguardo il sincretismo tra Kali e la Santa Muerte. Una dall’India, l’altra dal  Messico. Iniziamo da Kali: secondo i precetti dell’attuale Sanathana Dharma Kali è una forma di Durga,  quella più “arrabbiata”, per dirlo terra-terra. Ma è anche la divinità indiana più conosciuta in tutto il  mondo. Il motivo per cui lo è, non è dei migliori: quando in India arrivarono i primi missionari cristiani, la  visione delle statue di Kali, dalle orribili sembianze rabbiose, li colpì nel profondo. Occupati solo a  predicare la dottrina per la salvezza delle anime pagane non si soffermarono sui significati della divinità,  considerandola la forma di un demone a cui venivano tributati sacrifici umani. Chi ha letto qualche  trattato di demonologia sa infatti che Kali è in essi considerata un diavolo, insieme ad altre divinità  hindu, assiro-babilonesi e persino greche (come Diana), in origine benefiche. 

Ciò accadeva perchè nel  cristianesimo dell’epoca tutto ciò che apparteneva a culture diverse era considerato demoniaco, poichè  poteva fuorviare le menti degli uomini dal reale obiettivo della vita – ovvero la conoscenza di Cristo per  la salvezza dell’anima. Persino i musulmani venivano chiamati “pagani”, benchè credano in un unico Dio  e abbiano anch’essi Abramo come capostipite. Da ciò è scaturito il resto: eccidi di massa, crociate,  eccetera. Ma chi è realmente Kali? E’ una entità benevola o malevola? La risposta è: nessuna delle due.  In quanto strettamente legata al concetto di morte e trasformazione, e’ una divinità che agisce in nome  della Giustizia; nonostante ciò, è anche compassionevole. Quando l’India non era ancora stata  conquistata dagli arii, i signori della guerra che avrebbero imposto la civiltà ariana e la loro religione  (ovvero quella vedica, da cui sarebbe derivato l’Induismo come lo conosciamo oggi) era imperante il  matriarcato e il culto alla Grande Madre, figlia, madre e sposa del Dio Padre. Questi archetipi primitivi,  del Sacro Femminino e del suo compagno, l’archetipo maschile, sono da attribuire a Shiva e alla  Mahadevi, in tutte le loro forme attuali. I simboli del Dio Padre, testimoniati dai ritrovamenti  archeologici dalle prime civiltà stanziate nell’area dell’Hindu Kush, sono infatti il serpente, il toro, il fallo  e il tridente, che ancora oggi si trovano nelle raffigurazioni di Shiva. E la sua sposa è naturalmente la  Mahadevi, che trova in Parvati/Durga/Kali tutto ciò che una donna può essere: figlia, sorella, sposa,  madre. 

Ma non assoggettata alla forza maschile, perchè lei stessa è detentrice di due grandi poteri:  quello della Vita e quello della Morte. Quando una madre dà alla luce suo figlio, si assiste al miracolo  della vita; ma non appena il bambino lascia il grembo della madre, viene consegnato al mondo  dell’umanità e al destino ineluttabile di tutti gli uomini, che è la morte. Non esiste morte senza vita, e  non esiste vita senza morte. La morte è anche, soprattutto, trasformazione. Per questo gli hindu  credono che la morte non sia la fine della vita, ma che essa continui ad esistere, sempre, seppur la  materia apparente appaia cambiata. Reincarnazione. Kali nasce nell’antica religione vedica ben prima di  Parvati e Durga, come divinità a sè stante nata dal fuoco di Agni; per cui risente maggiormente degli  influssi della Mahadevi originaria come forma archetipale. Solo in seguito venne considerata forma di  Durga. E’ la Nera, colei che sconfigge i demoni, che sovverte il Male in Bene, è a lei che i morenti si  rivolgono per una “buona morte”.

 E’ la distruzione necessaria per accedere al meglio. In Bengala, dove il  culto di Kali è più preponderante, la dea viene ancora venerata quasi come fosse una divinità singolare,  come lo era in origine. Mantiene gli stessi tratti, ma viene anche chiamata Madre. I suoi devoti sono i  suoi “figli”. Torniamo quindi ai precetti che ho detto prima, di come morte e vita siano inscindibili. E  sono le uniche cose di cui l’uomo ha certezza; si può dubitare dell’esistenza di una divinità  soprannaturale, si può dubitare dell’esistenza storica di alcuni profeti e della validità di alcuni libri  considerati sacri, ma chi oserebbe dubitare della Morte e delle fasi trasformative che percorrono la  nostra vita, che non sono altro che una serie di piccole morti? La Morte è ciò che di più misterioso e 

sovrannaturale esista, ma è per assurdo anche ciò di cui l’uomo fa esperienza diretta ogni giorno. E’ la  chiave stessa del significato della Vita. 

La figura della Santa Muerte è associabile pienamente al significato archetipale di Kali. Il contesto  culturale nel quale nasce la Santissima è quello di un Messico colonizzato, in cui il cristianesimo ispanico  si intreccia al culto delle divinità mortifere azteche. La Chiesa Cattolica Messicana, com’è naturale, ha  osteggiato in tutti i modi la venerazione alla Santa Muerte, ma i devoti della Santa Muerte in Messico  sono anche quasi tutti cristiani. E’ cultuata infatti spesso e volentieri insieme alla Vergine di Guadalupe,  della quale condivide la medesima iconografia del mantello (solo che la Santa Muerte si presenta come  uno scheletro abbigliato come la Vergine di Guadalupe). Si dice che alla Santa Muerte si può chiedere ciò  che non si potrebbe chiedere alla Madonna. 

I devoti della Santa Muerte provengono da ogni strato sociale, perchè lei accetta tutti, in quanto siamo  tutti uguali ai suoi occhi. Accetta i santi e i peccatori. Accetta i cristiani, gli induisti, i neopagani e chi più  ne ha più ne metta; accetta persino gli atei, perchè nessuno di essi potrebbe mettere in discussione la  sua esistenza. E’ la patrona dell’umanità. Ho notato che è molto amata da medici, infermieri, da coloro  che lavorano nelle cliniche ospedaliere. 

Della Santa Muerte non esistono chiese/templi dedicati nè esistono santoni, sacerdoti, guru (anche se  qualcuno ci ha provato e prova ancora a farlo). Non esistono dogmi nè testi sacri. Chi vuole approfondire  il suo culto può farlo tramite libri comunemente venduti per conoscerla meglio da un punto di vista  puramente intellettuale o anche per iniziare una devozione privata. Si possono mantenere le credenze  religiose (o anche no) che si hanno, perchè lei esiste per tutti, credenti o meno. Non si fanno messe  collettive nè strani rituali. Nonostante questa apparente libertà, chi si vota alla Santa Muerte deve avere  una motivazione profonda per farlo, e non si può tornare indietro. E’ gelosa, proprio perchè come Kali  ha affrontato il marito per vendicare l’uccisione del figlio, anche la Santa Muerte interviene con potenza quando i suoi figli, ovvero i suoi devoti, vengono maltrattati. 

Mi fermo qua, ma sono aperta a qualunque discussione, domanda, chiarimento, ecc. 

Link al post originale (il testo si trova tra i commenti):  

One thought on “Holy Sisters of Life and Death – Santa Muerte and Kali

Leave a Reply to Cindy Nyx Ravenmoon Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s